Bereits Kunde? Jetzt einloggen.
Lesezeit ca. 2 Min.

DAS WÖRTERBUCH: Schimpfen auf Italienisch


Adesso - epaper ⋅ Ausgabe 2/2019 vom 23.01.2019
Artikelbild für den Artikel "DAS WÖRTERBUCH: Schimpfen auf Italienisch" aus der Ausgabe 2/2019 von Adesso. Dieses epaper sofort kaufen oder online lesen mit der Zeitschriften-Flatrate United Kiosk NEWS.

Bildquelle: Adesso, Ausgabe 2/2019

Care lettrici, cari lettori,
Quante ne diciamo, ogni giorno, noi italiani. Un numero incalcolabile, nella maggior parte dei casi senza rendercene conto. Le parolacce esprimono spesso rabbia, sdegno, disprezzo, ma per quanto strano possa sembrare, a seconda del modo in cui si dicono e del contesto, possono significare anche ammirazione. Certo, non sono un’invenzione dei nostri tempi: si dicevano persino all’epoca degli Egizi, proprio con ...

Weiterlesen
epaper-Einzelheft 8,99€
NEWS 14 Tage gratis testen
Bereits gekauft?Anmelden & Lesen
Leseprobe: Abdruck mit freundlicher Genehmigung von Adesso. Alle Rechte vorbehalten.

Mehr aus dieser Ausgabe

Titelbild der Ausgabe 2/2019 von FACILE: Notizie dall’Italia. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
FACILE: Notizie dall’Italia
Titelbild der Ausgabe 2/2019 von LA VOSTRA POSTA : Dove vai, Italia?. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
LA VOSTRA POSTA : Dove vai, Italia?
Titelbild der Ausgabe 2/2019 von VIAGGI : BENESSERE dal centro della terra. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
VIAGGI : BENESSERE dal centro della terra
Titelbild der Ausgabe 2/2019 von L’ITALIA IN DIRET TA : stampa: IN ITALIA È DAVVERO LIBERA?. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
L’ITALIA IN DIRET TA : stampa: IN ITALIA È DAVVERO LIBERA?
Titelbild der Ausgabe 2/2019 von STILE LIBERO: OROBIANCO. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
STILE LIBERO: OROBIANCO
Titelbild der Ausgabe 2/2019 von LA MEDIAZIONE FAMILIARE OBBLIGATORIA fra teoria e realtà. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
LA MEDIAZIONE FAMILIARE OBBLIGATORIA fra teoria e realtà
Vorheriger Artikel
TEST: LEGGI E VINCI
aus dieser Ausgabe
Nächster Artikel CAZZO [/’kattso/]
aus dieser Ausgabe

Care lettrici, cari lettori,
Quante ne diciamo, ogni giorno, noi italiani. Un numero incalcolabile, nella maggior parte dei casi senza rendercene conto. Le parolacce esprimono spesso rabbia, sdegno, disprezzo, ma per quanto strano possa sembrare, a seconda del modo in cui si dicono e del contesto, possono significare anche ammirazione. Certo, non sono un’invenzione dei nostri tempi: si dicevano persino all’epoca degli Egizi, proprio con l’intenzione di essere volgari o di insultare. Tuttavia, nel passato più o meno lontano, caratterizzavano il modo di essere e di esprimersi di “certi” ambienti. Le persone “perbene” non dicevano parolacce! Anzi, il segno distintivo della persona ben educata o culturalmente elevata era proprio la quasi totale assenza di parolacce dal suo vocabolario.
La parolaccia era un segno di trasgressione negli ambienti intellettuali, nei quali rappresentava un tratto quasi rivoluzionario, di rottura delle convenzioni borghesi. Il problema è che, rompi oggi rompi domani, le parolacce hanno superato le barriere sociali per entrare nel linguaggio comune anche di quelli che un tempo erano considerati i ceti più elevati. Da qualche anno, poi, è in corso un processo di livellamento della società verso il basso. Essere pop anche a costo di scadere nella volgarità va di moda e così oggi, in Italia, le parolacce le dicono un po’ tutti e ovunque, televisione compresa. Se un tempo erano bandite dagli schermi parole comecosce oincinta , oggi basta guardare qualunque talk show, soprattutto quelli in cui si parla di politica, per prendere lezioni di parolacce. Sia chiaro, questo booklet non vuole essere un elogio della parolaccia, né un invito a farne uso. La nostra missione è farvi conoscere in tutti i loro aspetti la cultura e la lingua italiane di oggi. Le parolacce ne fanno parte e, per accompagnarvi in questo meraviglioso viaggio, non potevamo non occuparcene.

Eliana Giuratrabocchetti, Giovanna Iacono, Isadora Mancusi, Salvatore Viola

Le parolacce si distinguono ininsulti eimprecazioni . L’insulto è un’offesa alla dignità o al carattere della persona a cui è rivolto:cretino, rompipalle, somaro . L’imprecazione è uno sfogo, un’espressione liberatoria che descrive emozioni forti come la rabbia, il disappunto, la sorpresa ma anche la gioia:Porca miseria!

La prima parolaccia italiana risale all’anno Mille e si trova nei sotterranei della basilica di San Clemente, a Roma. Su un affresco si legge:Fili de le pute , ovvero “figli di puttana”.

Dal 1941 al ristoranteCencio La Parolaccia , nel quartiere Trastevere a Roma, i camerieri servono i piatti accompagnandoli con insulti, parolacce e doppi sensi.

Le parolacce che seguono sono accompagnate da espressioni non volgari, ma pur sempre colloquiali, quindi da usare in un contesto informale. Vi consigliamo di imparare a riconoscere le espressioni, ma di utilizzare quelle indicate con.