Bereits Kunde? Jetzt einloggen.
Lesezeit ca. 6 Min.

INVITO ALL’OPERA: IL BARBIERE DI SIVIGLIA


Adesso - epaper ⋅ Ausgabe 6/2019 vom 08.05.2019

Mit dem Barbier von Sevilla schuf Rossini eine Oper voller Lebensfreude und Zauber. Kein Wunder, war doch Rossini selbst Genussmensch, für den das Leben eine Opera buffa in vier Akten war: Essen und Lieben, Singen und Verdauen.


Artikelbild für den Artikel "INVITO ALL’OPERA: IL BARBIERE DI SIVIGLIA" aus der Ausgabe 6/2019 von Adesso. Dieses epaper sofort kaufen oder online lesen mit der Zeitschriften-Flatrate United Kiosk NEWS.

Bildquelle: Adesso, Ausgabe 6/2019

IN BREVE
Titolo:Il barbiere di Siviglia (1816).
Titolo originale:Almaviva, o sia, L’inutile precauzione .
Musica: Gioachino (o Gioacchino) Rossini (1792-1868).
Libretto: Cesare Sterbini (1784-1831).
Prima: 20 febbraio 1816 al Teatro Argentina di Roma.
Fonte: L’opera è tratta dall’omonima commedia (Le barbier de Séville ou La précaution inutile , 1775) di ...

Weiterlesen
epaper-Einzelheft 8,99€
NEWS 14 Tage gratis testen
Bereits gekauft?Anmelden & Lesen
Leseprobe: Abdruck mit freundlicher Genehmigung von Adesso. Alle Rechte vorbehalten.

Mehr aus dieser Ausgabe

Titelbild der Ausgabe 6/2019 von Notizie dall’Italia: FACILE. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
Notizie dall’Italia: FACILE
Titelbild der Ausgabe 6/2019 von MEDIO: POSTA PRIORITARIA: Priority Mail: LA VOSTRA POSTA. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
MEDIO: POSTA PRIORITARIA: Priority Mail: LA VOSTRA POSTA
Titelbild der Ausgabe 6/2019 von VIAGGI: L’ISOLA CHE NON C’ERA. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
VIAGGI: L’ISOLA CHE NON C’ERA
Titelbild der Ausgabe 6/2019 von L’ITALIA IN DIRET TA: Italia CRESCITA ZERO. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
L’ITALIA IN DIRET TA: Italia CRESCITA ZERO
Titelbild der Ausgabe 6/2019 von INTERVISTA: La forza dell’ottimismo. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
INTERVISTA: La forza dell’ottimismo
Titelbild der Ausgabe 6/2019 von SCHERZI A PARTE: SVOLTE: 1799 ALESSANDRO VOLTA INVENTA LA PILA. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
SCHERZI A PARTE: SVOLTE: 1799 ALESSANDRO VOLTA INVENTA LA PILA
Vorheriger Artikel
PASSAPAROLA: NEI PANNI DI UN ALBERO
aus dieser Ausgabe
Nächster Artikel TRA LE RIGHE: VALERIA MANCINELLI
aus dieser Ausgabe

IN BREVE
Titolo:Il barbiere di Siviglia (1816).
Titolo originale:Almaviva, o sia, L’inutile precauzione .
Musica: Gioachino (o Gioacchino) Rossini (1792-1868).
Libretto: Cesare Sterbini (1784-1831).
Prima: 20 febbraio 1816 al Teatro Argentina di Roma.
Fonte: L’opera è tratta dall’omonima commedia (Le barbier de Séville ou La précaution inutile , 1775) di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais (1732-1799).

UN’OPERA BUFFA COME LA VITA
È la sera del 20 febbraio 1816. Quando al Teatro Argentina cala il sipario, in sala risuonano i fischi e ibuuu del pubblico. La rappresentazione dell’operaAlmaviva, o sia, L’inutile precauzione , è un fiasco clamoroso e il ventiquattrenne Gioachino Rossini, nonostante l’amarezza e la delusione cocente, non ne è sorpreso. In qualche modo se l’aspettava. Perché mai?Almaviva, o sia, L’inutile precauzione altro non è cheIl barbiere di Siviglia , a cui Rossini, d’accordo con l’impresario del Teatro Argentina di Roma, il duca Francesco Sforza Cesarini, ha cambiato titolo. Un’inutile precauzione, appunto, visto che l’intenzione era quella di evitare quello che poi è successo comunque: il boicottaggio da parte dei sostenitori di Giovanni Paisiello (1740-1816), all’epoca considerato tra i maggiori compositori contemporanei, nonché autore del primo e celeberrimoBarbiere di Siviglia , tratto dalla commedia di Beaumarchais. Nel Settecento, come nell’Ottocento, il teatro era una delle principali attività ricreative, i compositori erano venerati come rockstar e il pubblico si divideva tra questo e quel “maestro”. Per i “fan” di Paisiello, la messa in scena delBarbiere da parte di un “ragazzino” era un vero e proprio affronto al loro idolo. Rossini, però, non aveva colpe. L’idea era stata dell’impresario, che voleva un’opera buffa per le celebrazioni del Carnevale. Alla seconda rappresentazione, quando tutti sul palco si aspettavano i fischi della sera prima, ecco il teatro riempirsi di applausi. La musica del giovane pesarese, con la sua forza, era riuscita a stregare e convincere il pubblico. In una situazione che avrebbe destabilizzato emotivamente chiunque, Rossini pare avere altri pensieri. In una lettera alla sua amica, la cantante spagnola Isabella Angelica Colbran (1784-1845), che pochi anni dopo diventerà la sua prima moglie, scrive: “Ciò che mi interessa ben altrimenti la musica, cara Angelina, è la scoperta che ho fatto di una nuova insalata, della quale mi affretto ad inviarvi la ricetta… (vedi box )”. “Mangiare e amare, cantare e digerire: questi sono i quattro atti di quest’opera buffa che si chiama vita…” Questa fame e sete di vita sembrano essere il segreto del successo della musica di Rossini. Il suo diverrà ilBarbiere per eccellenza, una delle opere liriche più rappresentate e di maggior successo di sempre.

L’INSALATA DI ROSSINI
“ Prendete dell’olio di Provenza, mostarda inglese, aceto di Francia, un po’ di limone, pepe, sale, battete e mescolate il tutto; poi aggiungete qualche tartufo tagliato a fette sottili. I tartufi danno a questo condimento una sorta di aureola, fatta apposta per mandare in estasi un ghiottone” .

LA TRAMA

La bella e ricca Rosina vive a Siviglia, in casa del suo tutore don Bartolo, che ne amministra i beni. Il conte di Almaviva si innamora perdutamente di lei ed è disposto a fare qualunque cosa per averla. Nel tentativo di avvicinarla senza destare i sospetti dell’avido don Bartolo, si traveste e finge di essere il mite Lindoro, ma il tutore, tutt’altro che sprovveduto, si accorge che Lindoro non è altri che il conte sotto mentite spoglie. Per paura di perdere Rosina, ma soprattutto il suo ingente patrimonio, don Bortolo la chiede in sposa, ma Rosina rifiuta. Su suggerimento dell’amico don Basilio, per sminuire il conte, don Bartolo ricorre persino alla calunnia. Nel frattempo, il conte di Almaviva chiede aiuto a una sua vecchia conoscenza, il barbiere Figaro, che è anche il factotum in casa di don Bortolo. Con l’aiuto di Figaro e usando il travestimento e l’inganno, il conte finirà per farla a don Bortolo e a sposare l’amata Rosina.

EHI FIGARO!

Insieme alla famiglia di Almaviva, è Figaro, il barbiere di Siviglia, il protagonista assoluto di questa come di altre due commedie scritte tra il 1773 e il 1790 da Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais.Le barbier de Séville ou La précaution inutile ,Le mariage de Figaro (Le nozze di Figaro ) eL’autre Tartuffe ou La mère coupable (La madre colpevole ) formano una trilogia che conobbe una straordinaria fortuna, attirando l’attenzione di alcuni dei più talentuosi musicisti. Basta pensare che il tarantino Giovanni Paisiello mise in scena nel 1782 a San PietroburgoIl barbiere di Siviglia e nel 1786 il salisburghese Wolfgang Amadeus Mozart presentò a ViennaLe nozze di Figaro . Il grande successo del personaggio di Figaro, che rappresenta l’uomo nuovo del suo tempo, è dovuto certamente alla sua attualità. Non è più il servo astuto della Commedia dell’arte (anche se, per certi versi, ne conserva alcuni tratti), bensì una figura dal carattere complesso, animata da sentimenti a volte contraddittori, ma caratterizzati da una chiara volontà di autodeterminazione. Figaro non “serve”, offre i suoi servigi. È richiesto, richiestissimo, e si offre al miglior offerente o a chi più gli aggrada. È libero. La sua figura incarna le pulsioni, gli interessi, le istanze della nuova borghesia contro l’autoritarismo reazionario dell’Ancien régime rappresentato da don Bartolo. Istanze che pochi anni dopo l’ex barbiere, entrato a servizio del conte, metterà in chiaro con lo stesso Almaviva, almeno nelle intenzioni. Nell’operaLe nozze di Figaro il conte, annoiato della sua sposa Rosina, pretende infatti di esercitare loius primae noctis con Susanna, la futura sposa di Figaro. Nel monologo della scena III del quinto atto Figaro dice: “No, signor Conte, voi non l’avrete… voi non l’avrete (Susanna). Perché siete un gran signore, vi credete un gran genio!… Nobiltà, fortuna, rango, cariche, tutto questo rende così fieri! Che avete fatto per meritare tutto questo? Vi siete dato pena di nascere e niente più. Per il resto siete un uomo abbastanza comune; mentre io, perbacco! Sperduto in mezzo alla folla oscura, ho dovuto impiegare più scienza e calcoli, soltanto per sopravvivere, di quanti non ne siano stati adoperati, da cento anni a questa parte, per governare tutte le Spagne”. Gli esiti di questo confronto condurranno, poco più di 10 anni dopo, alla Rivoluzione francese.

LARGO AL FACTOTUM DELLA CITTÀ

(…) Ah, che bel vivere,
che bel piacere
per un barbiere
di qualità!
Ah, bravo Figaro!
Bravo, bravissimo;
fortunatissimo
per verità!
Pronto a far tutto,
la notte e il giorno
sempre d’intorno,
in giro sta.
(…) Ah, che bel vivere,
che bel piacere
per un barbiere
di qualità!
Tutti mi chiedono,
tutti mi vogliono,
donne, ragazzi,
vecchi, fanciulle (…)
Figaro qua, Figaro la,
Figaro su, Figaro giu (…)
Sono il factotum della città…

BIN DAS FAKTOTUM DER SCHÖNEN WELT

Ich bin der Cicero
aller Barbiere ,
und gratuliere
mir zu dem Glück!
Man ruft und schreit nach mir ,
will mich bald dort, bald hier!
Grafen, Baronen ,
Mädchen, Matronen!
Bald heißt’s rasieren ,
bald rapportieren!
Bald ein Billettchen
dort adressieren! (…)
Zu viel, weh mir!
Man foltert mich!
Alles auf einmal!
Ich kann nicht mehr!
Figaro! - Bin dort!
Figaro! - Bin da!
Figaro dort, Figaro da!
Eiligst auf jeden Wink
bin wie der Blitz so flink.
Bin das Faktotum der schönen
Welt.

“LA CALUNNIA È UN VENTICELLO…”

Canta così don Basilio, quando spiega a don Bartolo quanto possa essere facile rovinare la reputazione del rivale, il conte di Almaviva. Sono passati due secoli e la maldicenza e la calunnia sono ancora le armi più letali che si possano usare contro qualcuno. Di carriere finite e vite letteralmente distrutte da un venticello, diventato un uragano di maldicenza, sono piene le cronache. Soprattutto oggi, in un tempo in cui grazie ai social media, le calunnie si diffondono alla velocità della luce e raggiungono in pochissimo tempo milioni di persone in tutto il mondo. Le vittime? Attori, industriali, politici, ma anche gente comune che, travolta dal fango, è arrivata persino a togliersi la vita. Un fenomeno così allarmante da provocare l’intervento durissimo di papa Francesco: “Chi semina chiacchiere è un terrorista. Butta una bomba e poi scappa. La bomba poi distrugge. La stessa cosa sono le chiacchiere”.

LARGO AL FACTOTUM DELLA CITTÀ

Lacavatina è l’aria con la quale i vari personaggi si presentano al pubblico. Quella intonata da Figaro nelBarbiere di Siviglia è senza ombra di dubbio la più famosa, conosciuta anche da chi non si intende di lirica. Per i baritoni che la affrontano è una vera sfida. Il testo infatti è un piccolo scioglilingua: provare per credere.

NEL PROSSIMO NUMERO:LUCIA DI LAMMERMOOR DI GAETANO DONIZETTI


ILLUSTRAZIONE MARCO GORAN ROMANO