Lesezeit ca. 3 Min.

PERCHÉ LE FIGURE FEMMINILI HANNO TUTTE LO STESSO VOLTO?


Logo von Adesso
Adesso - epaper ⋅ Ausgabe 4/2022 vom 11.03.2022

WARUM SIND ALLE FRAUEN MIT DEM GLEICHEN GESICHT DARGESTELLT?

Artikelbild für den Artikel "PERCHÉ LE FIGURE FEMMINILI HANNO TUTTE LO STESSO VOLTO?" aus der Ausgabe 4/2022 von Adesso. Dieses epaper sofort kaufen oder online lesen mit der Zeitschriften-Flatrate United Kiosk NEWS.

Bildquelle: Adesso, Ausgabe 4/2022

DIFFICILE La Primavera, dipinta da Sandro Botticelli tra il 1482 e il 1485, si presta a molte interpretazioni. Per alcuni è un’allegoria della giovinezza, per altri rappresenta l’avvento del regno di Venere, inteso come momento di fioritura intellettuale localizzata in quella Florentia – la città di Firenze – cui corrisponde il personaggio di Flora. Al di là dell’interpretazione, Botticelli rappresenta un mondo idealizzato, fatto di bellezza e armonia. Le figure sono stilizzate secondo l’ideale di bellezza classica e forse per questo si ha l’impressione che le figure femminili si somiglino tutte. In realtà non solo ...

Weiterlesen
epaper-Einzelheft 9,99€
NEWS Jetzt gratis testen
Bereits gekauft?Anmelden & Lesen
Leseprobe: Abdruck mit freundlicher Genehmigung von Adesso. Alle Rechte vorbehalten.
Lesen Sie jetzt diesen Artikel und viele weitere spannende Reportagen, Interviews, Hintergrundberichte, Kommentare und mehr aus über 1000 Magazinen und Zeitungen. Mit der Zeitschriften-Flatrate NEWS von United Kiosk können Sie nicht nur in den aktuellen Ausgaben, sondern auch in Sonderheften und im umfassenden Archiv der Titel stöbern und nach Ihren Themen und Interessensgebieten suchen. Neben der großen Auswahl und dem einfachen Zugriff auf das aktuelle Wissen der Welt profitieren Sie unter anderem von diesen fünf Vorteilen:

  • Schwerpunkt auf deutschsprachige Magazine
  • Papier sparen & Umwelt schonen
  • Nur bei uns: Leselisten (wie Playlists)
  • Zertifizierte Sicherheit
  • Freundlicher Service
Erfahren Sie hier mehr über United Kiosk NEWS.

Mehr aus dieser Ausgabe

Titelbild der Ausgabe 4/2022 von Care lettrici, cari lettori,. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
Care lettrici, cari lettori,
Titelbild der Ausgabe 4/2022 von L’ARTE NEL TEMPO. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
L’ARTE NEL TEMPO
Titelbild der Ausgabe 4/2022 von PERCHÉ LA MONA LISA SORRIDE?. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
PERCHÉ LA MONA LISA SORRIDE?
Titelbild der Ausgabe 4/2022 von PERCHÉ L’UOMO HA I PIEDI SPORCHI?. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
PERCHÉ L’UOMO HA I PIEDI SPORCHI?
Mehr Lesetipps
Blättern im Magazin
PERCHÉ I TAGLI DI FONTANA VENGONO CONSIDERATI ARTE?
Vorheriger Artikel
PERCHÉ I TAGLI DI FONTANA VENGONO CONSIDERATI ARTE?
QUANDO LE MANI SANNO PARLARE
Nächster Artikel
QUANDO LE MANI SANNO PARLARE
Mehr Lesetipps

... non hanno lo stesso volto, ma riproducono l’aspetto di persone realmente esistite. Secondo le interpretazioni correnti, il quadro va “letto” da destra a sinistra. I primi personaggi ad apparire sono Zefiro, il vento di primavera, che rapisce la ninfa Cloris, la quale si trasforma in Flora dopo la loro unione. Al centro del dipinto troviamo Venere, sul cui capo aleggia Cupido. A sinistra le tre Grazie e, a chiudere la composizione, Mercurio, riconoscibile per le ali sui calzari. Per alcuni l’opera è stata commissionata da Giuliano de’ Medici, fratello del Magnifico, in occasione della nascita del figlio Giulio, il futuro papa Clemente VII. Altri ritengono invece che il quadro fosse stato realizzato perle nozze di Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici, cugino di Lorenzo il Magnifico. Qualcuno riconosce infatti nella Grazia al centro le sembianze della sposa, Semiramide Appiani, mentre lo sposo Lorenzo sarebbe rappresentato nei panni di Mercurio. L’ipotesi è avallata dalle fiammelle, emblema di San Lorenzo, che sono dipinte sulla veste del dio. Anche le altre donne sono state identificate con persone legate alla famiglia Medici. La Grazia di destra è forse Caterina Sforza, mentre Venere – per chi considera Giuliano de’Medici il committente del quadro – potrebbe avere il volto di Fioretta Gorini, amante di Giuliano e madre di suo figlio Giulio. Secondo un’altra ipotesi, la Grazia centrale non sarebbe Semiramide Appiani, bensì Simonetta Vespucci, anche lei amante di Giuliano, la stessa donna che ha prestato il volto a un’altra opera immortale di Botticelli, la Nascita di Venere (1485). Insomma, un intreccio di ipotesi, storie e personaggi che, accanto alla bellezza, rendono il capolavoro di Botticelli, ancora oggi, una delle opere più misteriose e affascinanti del Rinascimento.

la giovinezza , Jugend

l’avvento , Ankunft

il regno di Venere , Herrschaft der Venus

la fioritura , Blüte

somigliarsi , sich ähneln

rapire , rauben

l’unione f. , Vereinigung

aleggiare , flattern

l’ala , Flügel

il calzare , Schuhwerk

commissionare , in Auftrag geben

le nozze pl. , Hochzeit

le sembianze pl. , Gesichtszüge

nei panni , in der Gestalt

avallare , bestätigen

l’emblema m. , Wahrzeichen

la veste , Gewand

legato , verbunden

il committente , Auftraggeber

Nascita di Venere , Geburt der Venus

l’intreccio , Geflecht

il capolavoro , Meisterwerk

misterioso , geheimnisvoll

SANDRO BOTTICELLI, PRIMAVERA 1482-1485 CIRCA, TEMPERA SU TELA, 172,5 X 278,5 CM MUSEO DEGLI UFFIZI, FIRENZE

SANDRO BOTTICELLI

Sandro di Mariano Filipepi, detto Botticelli, nasce a Firenze nel 1445.

Ha più o meno 19 anni quando entra come apprendista [Lehrling] nella bottega [Werkstatt] del pittore Fra’ Filippo Lippi (1406-1469). Intorno al 1470 comincia a lavorare per la famiglia de’ Medici. Dopo un periodo trascorso a Roma, durante il quale Botticelli lavora agli affreschi [Fresken] della Cappella Sistina, agli inizi degli anni Ottanta rientra a Firenze. In questo periodo produce alcune delle sue opere più famose, tra cui la Primavera (1482-1485) e la Nascita di Venere (1485). Negli anni Novanta diventa seguace [Gefolgsmann] del predicatore [Prediger] Girolamo Savonarola (1453-1498). Muore nel 1510 nella sua Firenze e viene sepolto nella chiesa di Ognissanti.

ANGEBERWISSEN

Impossibile non notare la grande quantità di piante e fiori che arricchiscono la Primavera. Botticelli dimostra in questo quadro di conoscere molto bene la flora delle campagne fiorentine. Negli anni Ottanta, una équipe guidata da Giudo Mocci, allora direttore dell’Orto botanico di Firenze, ha individuato nell’opera di Botticelli ben 500 specie vegetali [Pflanzenarten], molte delle quali fioriscono sulle colline [Hügeln] intorno a Firenze. Tra le piante abbondano gli aranci [Orangenbäume] con frutti e fiori, uno degli emblemi della famiglia Medici.