Bereits Kunde? Jetzt einloggen.
Lesezeit ca. 4 Min.

VIAGGI: 02 ASSISI


Adesso - epaper ⋅ Ausgabe 6/2018 vom 30.05.2018

Auf den Spuren des italienischen Schutzheiligen wandeln, in unvergleichlicher Landschaft und mystischen Orten fernab vom Trubel Ruhe genießen und Kraft schöpfen – Assisi ist ideal für eine Auszeit aus der hektischen Welt!


MEDIO

Artikelbild für den Artikel "VIAGGI: 02 ASSISI" aus der Ausgabe 6/2018 von Adesso. Dieses epaper sofort kaufen oder online lesen mit der Zeitschriften-Flatrate United Kiosk NEWS.

Bildquelle: Adesso, Ausgabe 6/2018

La basilica di San Francesco.


GIOVEDÌ

Assisi è una cittadina medievale ai piedi del Monte Subasio in cui natura e spirito rispecchiano la personalità di San Francesco, al secolo Giovanni Bernardone, che rinunciò alle ricchezze del padre per sposare Madonna Povertà.

ORE 15 – Il Monte Subasio e il borgo antico

Arrivati ad Assisi, imbocchiamo subitoVicolo San Lorenzo , che costeggia le ...

Weiterlesen
epaper-Einzelheft 8,99€
NEWS 14 Tage gratis testen
Bereits gekauft?Anmelden & Lesen
Leseprobe: Abdruck mit freundlicher Genehmigung von Adesso. Alle Rechte vorbehalten.

Mehr aus dieser Ausgabe

Titelbild der Ausgabe 6/2018 von Notizie dall’Italia. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
Notizie dall’Italia
Titelbild der Ausgabe 6/2018 von VIAGGI: DOLOMITI: BELLINZONA: DAS PERFEKTE WOCHENENDE: LECCE: MILANO: PORTOFINO: ASSISI: 01: LECCE. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
VIAGGI: DOLOMITI: BELLINZONA: DAS PERFEKTE WOCHENENDE: LECCE: MILANO: PORTOFINO: ASSISI: 01: LECCE
Titelbild der Ausgabe 6/2018 von 04 CORTINA D’AMPEZZO. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
04 CORTINA D’AMPEZZO
Titelbild der Ausgabe 6/2018 von 05: MILANO. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
05: MILANO
Titelbild der Ausgabe 6/2018 von VIAGGI: 06 PORTOFINO. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
VIAGGI: 06 PORTOFINO
Titelbild der Ausgabe 6/2018 von ITALIA IN DIRETTA: mafia: QUANDO QUESTA PAROLA PESANTE È USATA CON TROPPA LEGGEREZZA. Zeitschriften als Abo oder epaper bei United Kiosk online kaufen.
ITALIA IN DIRETTA: mafia: QUANDO QUESTA PAROLA PESANTE È USATA CON TROPPA LEGGEREZZA
Vorheriger Artikel
VIAGGI: DOLOMITI: BELLINZONA: DAS PERFEKTE WOCHENENDE: LECCE: MIL…
aus dieser Ausgabe
Nächster Artikel 04 CORTINA D’AMPEZZO
aus dieser Ausgabe

Arrivati ad Assisi, imbocchiamo subitoVicolo San Lorenzo , che costeggia le mura cittadine con le sue scalette pittoresche e, in una decina di minuti, consente di raggiungere laRocca Maggiore . Siamo in cima al Monte Subasio e la vista è spettacolare. Un solo colpo d’occhio basta per abbracciare con lo sguardo tutte le chiese e i monumenti, mentre alla luce del sole che tramonta, la pietra rosa estratta dalle cave del monte acquista una tonalità da fiaba. Da qui, prendendo la strada che scende, si arriva davanti alla bellissima facciata in stile romanico delDuomo di San Rufino , la chiesa più antica di Assisi, fondata nel VII secolo, dove si dice che San Francesco e Santa Chiara abbiano ricevuto il battesimo. NellaPiazza del Comune , la più spettacolare, si ergono ilPalazzo dei Priori e ilPalazzo del Capitano del popolo , che risalgono al 1200. Accanto c’è laTorre del popolo , con le sue mura merlate. Tra i due palazzi si innalza l’anticoTempio di Minerva , del 30 a.C. Fu trasformato in chiesa nel Cinquecento, ma nel sottosuolo le rovine romane sono ancora ben visibili.

ORE 19 – Cena

Se si vuole mangiare in una sala del Cinquecento e ammirare magnifici mosaici di epoca romana attraverso i pavimenti trasparenti, l’indirizzo giusto èLa Locanda del cardinale .

VENERDÌ

ORE 9 – La basilica di San Francesco

La prima tappa è labasilica di San Francesco, che è formata da due chiese sovrapposte e molto diverse l’una dall’altra. Quella inferiore è scura, semplice nel suo stile romanico, e accoglie sia le spoglie sia il saio del santo; quella superiore è spaziosa, piena di luce ed esprime la gioia di vivere. Il successore di Francesco, frate Elia, fece costruire la basilica in quello che originariamente veniva chiamato il “Colle dell’inferno” perché era il posto in cui venivano eseguite le pene capitali, e lo ribattezzò “Colle del paradiso”. Per affrescare le pareti della basilica superiore arrivarono i più famosi artisti dell’epoca, da Cimabue a Giotto, a Simone Martini, ai fratelli Lorenzetti, a Pietro Cavallini e altri. Il ciclo della vita di Gesù dipinto da Giotto toglie il fiato per la poesia e la vivacità dei colori. Le vetrate di gusto fiammingo sono invece opera di artigiani giunti dalla Francia e dalla Germania.

ORE 13 – Pranzo

Ai piedi della basilica si estende ilbosco di San Francesco , ricco di querce, aceri e ginestre. Vi si accede attraverso un portone del muro di cinta del piazzale. È il luogo ideale per una lunga passeggiata da concludere all’Osteria del Mulino , un ristorante che si trova all’interno del parco e propone specialità della cucina umbra. L’alternativa è rimanere in centro e assaggiare gnocchi freschi e galletti al tartufo nell’osteriaLa piazzetta dell’Erba .

ORE 15 – La Porziuncola

Un altro luogo da non perdere è labasilica di Santa Maria degli Angeli , la settima chiesa del mondo cristiano per grandezza, costruita per custodire un monumento caro a Francesco: la Porziuncola, il piccolo oratorio dove si ritirava a pregare. Si racconta che qui, per vincere la tentazione, Francesco si buttò fra i rovi, che invece di pungerlo, si trasformarono in rose. LaRosa Canina Assisiensis è una rosa senza spine che cresce solo nelRoseto accanto alla basilica, visitabile tutti i giorni.

ORE 19 – Cena

A 5 chilometri dalla Porziuncola c’èIl lavandeto , un vivaio che a giugno diventa un tappeto lilla profumatissimo. Per la cena il posto giusto è l’azienda agricolaMalvarina , dove assaggiare larocciata , un dolce tipico a base di frutta secca e semi di anice.

SABATO

ORE 7 – Musica celestiale e shopping

Alle sette del mattino, nell’antichissima (risale al XII secolo) e suggestivachiesa di San Damiano , immersa nel verde nella periferia meridionale di Assisi, i frati minori francescani cantano accompagnati dall’organo. Tornati in centro, non possiamo dimenticare lachiesa di Santa Chiara , in pietra rosa. Dopo la visita alla chiesa, rimane un po’ di tempo per acquistare qualche souvenir tipico di Assisi: i sandali francescani in cuoio oppure i ricami a “punto Assisi” usati per ornare tovaglie e lenzuola, e nei quali animali fantastici si stagliano su sfondi color zaffiro e rubino.

ORE 14 – In Vespa in giro per borghi

Perché non noleggiare una Vespa (umbriainvespa.com ) per visitare i magnifici borghi medievali diSpello ,Montefalco eBevagna , oppure per fare un salto nella vicinaFoligno ? Qui, dopo una passeggiata nel centro storico, potete andare a gustare la straordinaria cucina di Maria Luisa Scolastra [vedi ADESSO 3/2018 ] negli affascinanti ambienti di Villa Roncalli.

DOMENICA

ORE 9 – Gran finale

Imperdibile una gita all’eremo delle Carceri , a circa quattro chilometri da Assisi, il luogo in cui San Francesco si ritirava in solitudine a meditare e dove, in un bosco di lecci, si può ammirare il famosissimo albero degli uccelli con il quale il santo parlava. Per chi vuole fare uno spuntino, qui vicino c’è il ristoranteGli Eremi, che fa ancora, come una volta la tipicatorta al testo , cucinata alla brace e condita con formaggi. A piedi o a cavallo, vale infine la pena di fare un salto aCollepino , un minuscolo paese medievale, un luogo fuori dal mondo ideale per ricaricarsi prima di tornare alla modernità.


Foto: Anna Serrano/Huber Sime